In origine questo monumento era una fontana, costruita nel 1887/81 su progetto dell'architetto Giuseppe Olivieri, al fine della distribuzione dell'acqua corrente ai cittadini di Priverno, dopo la costruzione dell'acquedotto cittadino nel 1870. Risente del gusto tardo-romantico molto in voga all'epoca. Nella parte superiore decorata con una allegoria di putti e delfini (in cemento di portland) che sorreggono una conchiglia. Le tre fontane di erogazione dell'acqua, collocate sotto il portichetto in pietra calcare, hanno funzionato fino al 1954, quando fu deciso dalla giunta municipale di trasformare la fontana in sacrario ai Caduti di tutte le guerre, a seguito dell'eliminazione del monumento ai Caduti di Duilio Cambellotti.